Le nostre proposte

UZBEKISTAN, LUNGO L'ANTICA VIA DELLA SETA

PARTENZA 2019 VIAGGIO DI 10 GIORNI

 

ESTENSIONE FACOLTATIVA A NUKUS, PER LA VISITA DEL MUSEO D'ARTE SAVITSKY E PROLUNGAMENTO FINO A MOYAK, SUL LAGO ARAL, AL MUSEO CIMITERO DELLE BARCHE

RIENTRO IN ITALIA PREVISTO PER IL 7 NOVEMBRE - VIAGGIO TOTALE DI 12 GIORNI

 

dal 27 ottobre al 5 novembre

Partenza da Cuneo, accompagnatore dell'agenzia

 

Nel cuore dell’Asia Centrale, l’Uzbekistan è da sempre un crocevia di popoli e culture differenti che hanno lasciato un ricchissimo patrimonio architettonico e artistico che evoca Gengis Khan e Tamerlano, miti affascinanti per viaggiatori. Samarcanda città-leggenda dove si respira l’atmosfera grandiosa della Via della Seta e si rimane incantati davanti alle splendide moschee; Shakrisabz, città natale di Tamerlano; Bukhara città-antica, le cui stradine polverose, i palazzi e i caravanserragli nascosti ricordano gli importanti commerci del passato; Khiva città-museo raccolta all’interno delle cinta di mura e perfettamente conservata, viene considerata la città più bella del paese.

Tamerlano fu il fondatore dell’Impero timuride, protagonista in Asia Centrale e nella Persia orientale tra il 1370 e il 1507. Il Grande Emiro si considerava un ghazi, ovvero un “Combattente per la Fede” e conquistò un vasto impero che abbracciava le odierne nazioni centro-asiatiche dell’Uzbekistan, parte del Kazakistan, il Turkmenistan, il Kirghizistan, l’Iran, la Georgia e l’Anatolia ottomana, arrivando a sconfiggere i cavalieri di Rodi. Nel 1370 Tamerlano decise di rendere Samarcanda una città stupenda e usarla come capitale dell’impero e per 35 anni la città fu ricostruita e fu piena di cantieri con artigiani e architetti provenienti dalle parti più disparate dell’Impero. .

 

 

 

1° GIORNO: MILANO/TASHKENT (domenica)

Partenza da Milano, volo di linea Turkish Airlines per Tashkent, scalo a Istanbul. 1100 1545 1910 0145+1

Pasti a bordo.  Arrivo in nottata, trasferimento e sistemazione in hotel.

 

2° GIORNO: TASHKENT

Prima colazione. Visita della capitale del paese: le madrase Kukeldash e Barak Khan, la piazza e la moschea Khasty, il bazar Chorsu, il Museo di Arti Applicate, la Piazza dell’Indipendenza e Amir Temur Square, la piazza del teatro Navoi. Seconda colazione. Cena e pernottamento.

 

Tashkent, capitale del paese e vera metropoli dell’Asia Centrale con i suoi 2 milioni di abitanti. Fu ricostruita a seguito del disastroso terremoto del 1966 che la rase al suolo e fu quindi ricostruita in stile sovietico, ovvero con ampi viali, piazze d’armi e solenni monumenti. Ma è sopravvissuta anche una parte più antica dove si potranno vedere madrase e moschee.

 

3° GIORNO: TASHKENT/TERMEZ  (in volo 690 km )

Prima colazione. In mattinata trasferimento in aeroporto e partenza con volo per Termez, situata nella regione dell’antica Battriana, luogo di città fondate dai Greci di Alessandro Magno e successivamente occupate dal popolo dei Kushana. Arrivo e visita della città: il museo archeologico, il complesso architettonico di Khakimi Termizi, risalente al XI/XV secolo, il palazzo di Sultan Saodat. Si prosegue con la fortezza di età samanide di Kyrk Kyz, lo stupa di Zurmala e al monastero di Kara Tepe (quest’ultima visita soggetta a riconferma in loco). Seconda colazione. Cena e pernottamento.

 

4° GIORNO:  TERMEZ/SAMARCANDA km 370

Prima colazione. In mattinata partenza in bus per Samarcanda. Lungo il percorso si effettuerà la sosta a Sachri Sabz, città natale di Tamerlano: visite delle rovine del Palazzo d’Estate, il Mausoleo di Jehangir, figlio prediletto di Tamerlano, e la Moschea Kok Gumbaz. Seconda colazione in corso di viaggio. Arrivo a Samarcanda verso sera, sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 

Samarcanda è la terza città per dimensioni in Uzbekistan e il capoluogo della regione di Samarcanda. La città è la più conosciuta per essere nel mezzo della Via della seta nel percorso tra la Cina e l’Occidente. E’ collocata a 702 metri sopra il livello del mare e nonostante sia un’importante città dell’Uzbekistan, la maggior parte degli abitanti è di lingua tagica. Da sempre centro cosmopolita, fu conquistata nel 329 a.c. da Alessandro Magno. E’ una città veramente molto bella con prestigiosi edifici di culto, veri esempi di architettura  islamica. Un tripudio di cupole, minareti e arabeschi che culminano nella piazza del Registan, il luogo più celebre di tutto il paese. Lo spiazzo è occupato da tre enormi scuole coraniche, tempestate di mosaici azzurri e maioliche. Altri due esempi magnifici di architettura sono la Moschea Bibi-Khanyam, un tempo l’edificio islamico più grande al mondo e il suggestivo Shahr-i-Zaindah, un labirinto di tombe della famiglia reale di Tamerlano.

 

5° GIORNO:  SAMARCANDA

Prima colazione. Giornata dedicata alla visita della città: la grandiosa piazza Registan con le tre straordinarie madrase di Ulug Begh, Shi Dor e Tilya-Kari, famose per la purezza delle linee l’eleganza delle decorazioni; il monumentale complesso dei mausolei Sach-i-Zinda; la moschea Bibi-Khanym, che sbalordisce per la ricchezza del decoro; il museo del sito archeologico di Afrassiab, l’antica Samarcanda abbandonata all’inizio del XII secolo dopo la conquista dei mongoli, l’osservatorio di Ulugh Begh. Seconda colazione. Cena e pernottamento.

 

6° GIORNO. SAMARCANDA/BUKHARA in treno 280 km

Prima colazione. Trasferimento alla stazione ferroviaria e partenza con treno alla volta di Bukhara. Arrivo e seconda colazione. La città conobbe il suo momento di massimo di splendore durante il periodo samanide, tra il IX ed il X secolo d.C., quando divenne il cuore religioso e culturale dell’Asia Centrale. Inizio delle visite con il Palazzo d’Estate e la necropoli di Chor Bakr.  Cena e pernottamento.

 

Bukhara è il capoluogo della regione di Bukhara, in Uzbekistan essa è stata per secoli una delle più importanti città della Transoxiana islamica, sita a oriente del Khorasan. Di essa era nativo Bukhari, il massimo tradizionista di tutta la storia dell’Islam.  Durante l’invasione mongola, fu distrutta da Genghis Khan e cadde poi sotto l’influenza di Tamerlano. Qui vi costruirono numerose moschee e madrase che testimoniano ancora oggi uno splendido passato. Il centro della città storica è un gioiello, i suoi monumenti principali sono: la madrasa di Nadir Khan Devangebi, costruita dapprima come caravanserraglio, la moschea centro asiatica più antica, la Mogani Attari, probabilmente il luogo più sacro della città e il minareto Kalon che fu quasi certamente alla sua costruzione l’edificio più alto dell’Asia Centrale.

 

7° GIORNO:  BUKHARA

Prima colazione. Intera giornata di visita del centro storico, in gran parte risalente al periodo del khanato tra il XVI ed il XVII secolo: la vita ruota intorno alla piazza Labi Hauz, al cui centro si trova una grande vasca attorno alla quale sorgono negozi e caffè all’aperto; visita in particolare della grande Moschea e del bellissimo minareto Kalon, il Mausoleo di Ismail Samani, la cittadella chiamata Ark, le madrase di Ulug Begh e Aziz Khan, i bazar ecc. Seconda colazione. Cena e pernottamento.

 

8° GIORNO: BUKHARA/KHIVA in treno 460 km

Prima colazione. In mattinata ultime visite. Partenza in treno alla volta di Khiva. Seconda colazione box-lunch. Arrivo a Khiva nel tardo pomeriggio. Cena e pernottamento.

 

Khiva è l’antica capitale della Corasmia e del khanato di Khiva e ai giorni nostri è situata nella uzeba del Khorezm. L’ichon-Qala di Khiva è stato il primo sito in Uzbekistan ad essere iscritto tra i Patrimoni dell’umanità nel 1991.  Secondo il mito, sarebbe stato Sem, figlio di Noè, a fondare la città. Qui vi sono da visitare il minareto Kalma Monor, la fortezza Konya Ark, la Madrasa a Rakhimkkon, quella di Islam Khodja e il Mausoleo Pakhlavan Mahmud. Un vero scrigno di gioielli architettonici nel cuore della steppa.

 

9° GIORNO: KHIVA/TASHKENT

Prima colazione. Visita della cittadina, vera perla dell’architettura islamica. Il suo centro storico è stato integralmente restaurato, diventando una vera e propria città-museo: si inizia, entrando dalla porta ovest, con la madrasa di Amin Khan, il tozzo minareto di Kalta Minor e la fortezza, per proseguire per le stradine visitando le numerose madrase ed antiche moschee che si susseguono lungo il percorso. Seconda colazione in ristorante. In serata volo per Tashkent. Cena e pernottamento.

 

10° GIORNO: TASHKENT/MILANO

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Milano via Istanbul. 9.15/1250   16.30/17.25.

 

 

Quota di partecipazione per persona in camera doppia:

 

Minimo 15 partecipanti: € 2050

Minimo 10 partecipanti: € 2260

 

Tasse aeroportuali: € 280

Polizza annullamento € 90

Oppure

Polizza sanitaria annullamento plus A € 130, (include le malattie preesistenti non attive)

 

La quota comprende:

Accompagnatore dall’Italia (*)

Volo Turkish Airlines da Milano, economy class

Voli interni dove previsti

Treno Samarcanda/Bukhara/Khiva

Tour con servizi privati e in esclusiva, bus con a/c

Guida locale parlante italiano per tutto il viaggio 

Tutte le visite, le escursioni e gli ingressi indicati

Sistemazione in hotel  4*

Trattamento di pensione completa

Cena con spettacolo a Bukhara

Pranzo presso famiglia locale a Samarcanda

Kit da viaggio

Facchinaggio

Assicurazione sanitaria e bagaglio

 

La  quota non comprende

Tasse aeroportuali come indicate

Mance in loco circa USD 40

Spese ed extra personali

Bevande ai pasti

Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”

Supplemento camera singola: € 260

 

 

Possibilità di abbinamento in camera con uomo o donna su richiesta

 

Facoltativo trasferimento con minibus Cuneo/provincia per aeroporto Milano A/R

Quotazione basata sul cambio 1 USD= 0.88 Euro

(*) l’accompagnatore continuerà l’estensione del programma a Nukus e Moyak a minimo 4 iscritti,

 

ESTENSIONE A NUKUS E MOYNAK

 

9° GIORNO: KHIVA/TASHKENT

Prima colazione. Visita della cittadina, vera perla dell’architettura islamica. Il suo centro storico è stato integralmente restaurato, diventando una vera e propria città-museo: si inizia, entrando dalla porta ovest, con la madrasa di Amin Khan, il tozzo minareto di Kalta Minor e la fortezza, per proseguire per le stradine visitando le numerose madrase ed antiche moschee che si susseguono lungo il percorso. Seconda colazione in ristorante. Cena e pernottamento a Khiva.

 

10° GIORNO KHIVA/NUKUS (200 km)

Prima colazione in hotel. Trasferimento via terra a Nukus. Seconda colazione. Nel pomeriggio visita al Museo d’Arte Savitsky , che ospita una delle più importanti collezioni d’arte dell’ ex Unione Sovietica. Cena e pernottamento. 

 

11° GIORNO NUKUS/MOYNAK/TASKENT

Prima colazione. Partenza per Moynak  (190 km ) per la visita al cimitero delle barche: è la città che più di ogni altra porta i segni dell’assurda tragedia del Lago d’Aral, ciò che rimane della sua flotta di pescherecci arrugginiti sulla sabbia accanto alle depressioni artificiali. Seconda colazione. Nel pomeriggio trasferimento all’aeroporto di Nukus e imbarco sul volo per Taskent. Cena e pernottamento.

 

12° GIORNO TASKENT/RIENTRO IN ITALIA

Trasferimento in aeroporto e volo di rientro in Italia via Istanbul. Arrivo nel tardo pomeriggio nell’aeroporto di origine e termine del viaggio.

 

Quota di partecipazione per persona in camera doppia:     Min 4/5 pax      Eur  570

La quota comprende:
Volo interni dove previsto
Tour su base privata
Guida locale parlante italiano a seguito
Accompagnatore dell’agenzia a minimo 4 partecipanti
Tutte le visite, le escursioni e gli ingressi menzionati
Sistemazione in camera doppia in hotel 4*
Trattamento di pensione completa durante il tour

La quota non comprende
le bevande, le mance e tutto quanto non espressamente indicato
Supplemento singola      Eur    80

La quotazione dell’estensione è da ritenersi indicativa e da aggiornare in base ai voli intercontinentali disponibili al momento della prenotazione:

 

Formalità di ingresso:Passaporto: necessario, con validità residua di non meno di tre mesi alla data di ingresso nel Paese. In ogni caso si consiglia sempre di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o i Consolati del Paese presente in Italia e/o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: consultare l’Approfondimento “Prima di partire/ documenti per viaggi 

Visto d'ingresso: dal 1 febbraio 2019 entra in vigore per 45 Paesi, tra i quali l’Italia, l'esenzione del visto di ingresso.

Nota importante relativa alle sistemazioni alberghiere: gli alberghi non corrispondono alla classificazione internazionale, e per quanto si siano scelti gli hotels tra i migliori disponibili, le sistemazioni non sono mai lussuose, spesso non hanno l’acqua di cortesia in camera e il phon.  Hanno tutti la moquette e non sono molto illuminati.

Alberghi proposti (o similari): Le classificazioni alberghiere indicate sono quelle attribuite dalle autorità locali competenti e non sono pertanto comparabili a quelle europee. N.B. la sequenza delle visite nelle varie città può variare per ottimizzare al meglio i tempi